Pollicino a Piove di Sacco (PD)

Pollicino e altre storie

TEATRO DEI VAGANTI
POLLICINO E ALTRE STORIE

dalla favola dei Fratelli Grimm

al Teatro Filarmonico di Piove di Sacco   il 12 e 13 Aprile alle ore 10.00

Partendo dal bosco, luogo immaginario dove é concesso l’incontro con orchi e lupi, una narratrice aiutata dalla musica e dai rumori del suo organetto racconterà la storia di Pollicino. È una storia molto conosciuta che racconta di un bambino piccolo – piccolo che incontra un uomo grande – grande, un orco, che vuole mangiare lui e i suoi sei fratelli. Ma Pollicino, pur essendo piccolo – piccolo, é un bambino molto intelligente che riuscirà a salvare se stesso e tutti i suoi fratellini. La narrazione però non finisce qui. Il titolo dello spettacolo non è forse “POLLICINO e altre storie!”? In questo appuntamento teatrale viene infatti offerta ai bambini, se lo vorranno, la possibilità di ascoltare un’altra breve storia, quella dello ZIO LUPO. Zio Lupo, o Barba Zucon, o Barbe Lof, o Nonno Cocol, o Babborcu è una di quelle diffusissime fiabe che si raccontavano tanti e tanti anni fa davanti ad un camino. Di questo classico il Teatro dei Vaganti mette in scena la versione di Italo Calvino. Tutto ha inizio con l’ingenua richiesta di una bambina alla sua mamma: fare delle frittelle. A questo punto entra in scena Zio Lupo, a cui la bambina deve andare a chiedere in prestito la padella che la mamma, molto povera, non ha. La trama prende così a svilupparsi in un rudimentale contrasto di ghiottoneria e schifo per la cacca, oltre che in una progressione paurosa. Succede infatti che una volta pronte le frittelle la bambina viene incaricata di portarle allo Zio Lupo assieme alla padella stessa. Lungo la strada però la piccola non resiste alla golosità e si trova a dover rimediare alla grande abbuffata. Quale può essere stata la sua “geniale” idea? Di sicuro un’azione di cui pagherà le conseguenze… Il tutto è raccontato sulla scena con molta ironia e l’utilizzo anche di musica contemporanea e figure.

Questa voce è stata pubblicata in ARCHIVIO. Contrassegna il permalink.