Sei in spettacoli

PREZZEMOLINA

Con Mariella Soggia
Messa in scena di GIOVANNI SIGNORI

 

Mariella Soggia

C’era una volta una bambina che si chiamava Prezzemolina
Ogni bambino può riconoscersi nella fiaba, ogni bambino può immedesimarsi nella protagonista. Ogni bambino infatti è bello, innocente e arguto, e prima o poi dovrà confrontarsi con i pericoli e le prove che inevitabilmente la vita gli metterà sul cammino.
Come Prezzemolina e ogni bambino/spettatore, impara a non aspettare passivamente di essere riscattato dall’eroe di turno, ci saranno certo gli aiutanti magici, ma Prezzemolina dovrà contare su se stessa, e infatti lei non cede, sa il fatto suo, crede nell’amore, resiste e così si salva la vita.
Per raccontare la storia l’attrice usa oggetti della vita quotidiana che attraverso un gioco creativo che i bambini conoscono bene, diventano altro. Ecco allora che alcuni rami diventano un bosco, una scala diventa un cavallo… Lo spettacolo guarda alle varie versioni della fiaba, quella del Basile e quella dei Grimm, quella bellissima di Calvino nelle Fiabe Italiane, la nostra storia le attraversa tutte e da ognuna raccoglie qualche immagine. Le fiabe sono storie in movimento, cambiano ad ogni voce che racconta, la fiaba è paragonabile ad un terreno, straordinariamente vario.
Lo spettacolo affronta il tema del coraggio e della libertà, affronta il rapporto,
alle volte difficile, dei bambini con il mondo degli adulti.
L’attrice Mariella Soggia, dopo essersi cimentata nel racconto di Pollicino e il Lupo e i sette capretti, affronta e ripercorre le tappe di questa nuova e affascinante fiaba. Prezzemolina, prosegue l’originale percorso della compagnia Teatro dei Vaganti, nell’accostarsi alle fiabe classiche.

Tecnica: Teatro d’attore e di figura.
Musiche: autori vari
Una produzione: Teatri Dei Vaganti
Età consigliata: scuola materna- primo ciclo elementare
Esigenze Tecniche: Oscurabilità/Dimensioni palco o pedana:
Larghezza 6m-profondità 5m –altezza 3m
Potenza 8Kw 380V

E’ possibile adattare lo spettacolo per poterlo rappresentare all’interno della scuola.

← Torna a spettacoli